img1
img2
img3

SOCIALNETWORK


Daily Fashion report

La Chiesa di San Michele Arcangelo

La chiesa fu consacrata dal vescovo di Martirano nel 1578. Si trova nella frazione di Petrisi, molto vicina alle abitazioni che a dir il vero, la maggior parte, risultano essere vuote. La facciata intonacata ha un corpo avanzato rispetto all’ala sinistra ribassata. Il portale principale è archiacuto ed è sormontato da un rosone e una finestra. Il portale di sinistra è decorato con motivi floreali e lesene rigate. In alto c’è una finestra con cornice. All’interno vi è la presenza di una tela, in discrete condizioni, raffigurante San Gerardo. Non conosciamo l’anno in cui fu consacrata, ma possiamo senz’altro dire che la costruzione è anteriore al XVIII secolo. La chiesa è a tre navate. Le navate laterali hanno delle caratteristiche volte a cupola e le pareti sono rimaste allo stato rustico. Il corpo centrale è più alto rispetto ai laterali. L’ala destra ha il tetto a spiovente, mentre sull’ala sinistra si erge un campanile a vela che ospita due campane. I portali d’ingresso sono due, in pietra con motivi floreali. Quello principale, con timpano spezzato, è sormontato da una finestra murata; quello secondario, sulla sinistra, è sovrastato da una finestra a vetri colorati. Pur se in passato abbandonata dai preti che l’hanno custodita, ha saputo mantenere inalterata tutta la sua bellezza ed ha goduto anche di recenti restauri. Come la frazione stessa che la ospita, la chiesa di San Michele è ritenuta la più antica di Scigliano. Per questo motivo non si ricordano particolari tradizioni. Oggi è aperta in sporadiche occasioni.

Share